Ingegneria-Architettura

ISTITUTO BON BOZZOLLA - TREVISO

RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA ED AMPLIAMENTO

L’Istituto Bon Bozzolla svolge, da oltre vent’anni, l’attività di ospitalità di anziani non autosufficienti, nell’edificio esistente e a suo tempo realizzato come Ospedale di Soligo,costruito negli anni ’70 e convertito a Casa per Anziani nel 1992. Oggi, lo stato di conservazione generale dell’immobile denota una evidente carenza sia in termini di impianti generali che di disposizione interna e servizi generali. Da qui l'esigenza di adeguare e ampliare l'intero complesso secondo le logiche assistenziali moderne.

Nel dettaglio, il Progetto prevede l’eliminazione di porzioni non utilizzate quali il quarto livello dell’edificio esistente e una piccola porzione in aderenza all’edificio ULSS che permette la separazione e distinzione tra il nuovo complesso e l’edificio stesso. Il Progetto introduce inoltre una radicale nuova distribuzione che permette di avere tutte le aree a servizi ampliate e collocate sul fronte sud più luminoso, confortevole e arieggiato e di configurare nella corte interna un giardino terapeutico per i pazienti, in grado di stimolare l'attività psichica e motoria, attraverso un percorso dinamico scandito da una successione di piazze tematiche.

Per gli ambienti comuni, il Progetto prevede l'installazione di un sistema innovativo di gestione della luce artificiale che offre la possibilità di simulare la giornata di 24 ore, dall'alba al tramonto, ricreando la luce del giorno con le sue diverse tonalità e gradi di luminosità. L'effetto dell'illuminamento sul paziente più anziano o quello affetto da deficit psicomotori è infatti quello di bilanciare il ritmo dormi-veglia regolarizzando il tempo necessario al riposo.

La qualità della prestazione è garantita dall'implementazione della metodologia BIM che ha consentito ai progettisti coinvolti nelle diverse discipline (architettonica / strutturale / impiantistica) di procedere nello sviluppo della commessa in modo sincrono e condiviso, dalla progettazione parametrica BIM 3D all'analisi dei tempi e costi previsti per l'intervento (BIM 4D e 5D), dalla verifica dell'interferenza tra le componenti di progetto (Clash Detection) e il rispetto dei differenti vincoli normativi (Code Checking) alla simulazione illuminotecnica del sistema di gestione della luce introdotto (BIM 7D).

Il metodo seguito dal Team di progetto per la strutturazione del progetto esecutivo (BIM LOD 400) ha previsto in  particolare la scomposizione delle fasi secondo procedure reticolari che, partendo da differenti modelli locali corrispondenti alle varie discipline, ha portato alla definizione di un Modello Centrale Federato completo di tutte le informazioni e disponibile per la condivisione esterna verso terze parti, validato dal BIM Manager. 

DETTAGLI PROGETTO
  • Localita:
    Farra di Soligo (TV)
  • Nazione:
    Italia
  • Cliente:
    ISTITUTO BON BOZZOLLA
  • Team:
    MUSA Progetti, Well Tech Engineering Srl, Ing. Carlo Titton, Ing. Michele Titton
  • Incarico:
    Progettazione esecutiva e coordinamento della sicurezza in fase di progettazione dei lavori di ristrutturazione edilizia ed ampliamento dell’Istituto Bon Bozzolla IPAB di Farra di Soligo (TV)
  • Importo Lavori:
    € 10.950.00,00
  • Data Progetto:
    2016
  • Realizzazione:
    2017

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi